Ciò In Cui Noi Crediamo E Perché

INSEGNAMENTI FONDAMENTALI DELLA BIBBIA SOSTENUTI DALLA IGLESIA NI CRISTO

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on telegram

“Qual è la differenza?” è il tipico commento che sentiamo da alcuni quando la Iglesia Ni Cristo (Chiesa Di Cristo) viene presentata loro. È una domanda assolutamente valida e legittima da fare, considerando che ci sono davvero tante religioni oggigiorno che competono l’una con l’altra, sostenendo che la loro sia la migliore chiesa a cui qualcuno possa unirsi.

Molte persone si sono unite ad una religione dopo l’altra, senza notare alcuna sostanziale differenza tra queste religioni. Alcuni di loro hanno anche sentito di essere stati presi in giro oppure di essere stati completamente ingannati. Da tali tristi esperienze, alcuni di loro sono giunti alla conclusione radicale che tutte le religioni siano uguali. E a seconda del grado della loro delusione, sono diventati indifferenti alla religione o eccessivamente cauti o del tutto diffidenti nei confronti di qualsiasi religione. Alcuni di loro sono addirittura diventati dei nemici della religione. Non dovrebbe essere così.

Nonostante oggi ci siano davvero tante false religioni nel mondo, questo fatto non deve portare alla conclusione che tutte le religioni siano false. Esiste una vera religione, una che adora e rende servizio al vero Dio, basata sulle Sue vere parole scritte nella Bibbia. Ognuno deve a Dio e a se stesso il fatto di trovare questa vera religione. E si può iniziare a cercare chiedendo in che modo una religione sia diversa da un’altra.

Quindi, che cosa distingue veramente la Iglesia Ni Cristo dagli altri gruppi religiosi? Ci sono molti modi per rispondere a questa domanda. Qui, intendiamo mostrare che ciò che distingue la Iglesia Ni Cristo è il suo credo.

Sosteniamo che l’insieme delle credenze che un’organizzazione religiosa sostiene è di vitale importanza nel determinare la sua genuinità e la sua veridicità. Ovviamente, qualsiasi religione che insegna le dottrine del diavolo non è di Dio. Per essere di Dio, il minimo che si deve fare è sostenere le dottrine di Dio scritte nelle Sacre Scritture.

E qui si trova l’unicità della Iglesia Ni Cristo: essa sostiene i puri insegnamenti della Bibbia.

Un Dio, Il Padre
Noi crediamo che l’unico vero Dio è il Padre, il Creatore. Crediamo in questo perché questa è la dottrina insegnata dal nostro Signore Gesù Cristo e dai Suoi Apostoli (Gio. 17:3, 1; 1 Co. 8:6). Dio è uno spirito (Gio. 4:24), e quindi, non ha carne né ossa (Luc. 24:39).

Non c’è una trinità di persone in Dio. Sebbene la Bibbia parli del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, non si è mai riferita a tutti loro come degli dèi, né come tre entità di un Dio; piuttosto, essa indica soltanto il Padre come il vero Dio. Il Figlio Stesso sottolinea che solamente il Padre è il vero Dio (Gio. 17:3, 1) e che Lui Stesso è un uomo che dice la verità che ha ricevuto da Dio (Gio. 8:40). Anche i profeti hanno insegnato che abbiamo un solo Padre, che ci ha creato (Mal. 2:10; Isa. 64:8). Soltanto Lui è Dio, non c’è nessun altro Dio e nessuno è come Lui (Isa. 46:9).

Dio è dall’eternità in eternità, senza un inizio né una fine (Sal. 90:2), è immortale (1 Ti. 1:17) e non si affatica né si stanca (Isa. 40:28).

Soltanto Lui è il Creatore dei cieli, i cieli dei cieli con tutto il loro esercito, la terra e tutto ciò che è in essa, e i mari e tutto ciò che è in essi (Nee. 9:6).

Il Signore Gesù Cristo
La Iglesia Ni Cristo crede che il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio (Mat. 3:17), è l’unico Salvatore dato da Dio (Att. 13:23). Cristo è il solo mediatore tra Dio e gli uomini (1 Ti. 2:5) e l’unica via verso Dio (Gio. 14:6).

Tuttavia, non accettiamo la credenza che Cristo sia un Dio-Uomo. Egli è uomo in natura secondo la Sua stessa testimonianza (Gio. 8:40) e l’insegnamento dei Suoi Apostoli (1 Ti. 2:5; Mat. 1:18).

In Cristo, si trovano le caratteristiche di un essere umano. Ebbe fame (Mat. 4:2), sete (Gio. 19:28), si stancò (Gio. 4:6), dormì (Mat. 8:24) e morì (Mat. 27:50; 1 Co. 15:3). Tuttavia, Cristo, a differenza di tutti gli altri uomini, è l’unico che non ha peccato (1 Pi. 2:21-22; Ebr. 4:15).

Egli è stato esaltato da Dio e Gli è stato dato un nome che è al di sopra di ogni nome, affinché nel nome di Cristo si pieghi ogni ginocchio nei cieli e sulla terra (Fil. 2:9-11). Egli è stato posto al di sopra di ogni principato, autorità, potenza, signoria e di ogni altro nome che si nomina, e ogni cosa è stata posta sotto i Suoi piedi (Efe. 1:21-22). Cristo, alla fine, sottometterà tutto il Suo potere e autorità al vero Dio (1 Co. 15:27-28). In molte occasioni, Egli ha presentato Se Stesso come il Figlio di Dio ma non si è mai appropriato del titolo “Dio” né “Dio il Figlio”, perché Lui non è Dio, ma un uomo.

Lo Spirito Santo
Noi crediamo che lo Spirito Santo sia il potere (Att. 1:8) mandato dal Padre in nome di Cristo, per insegnare e ricordare ai Suoi messaggeri tutte le cose che Cristo ha detto (Gio. 14:26).

Cristo manda lo Spirito Santo anche per aiutarci nelle nostre debolezze (Gio. 15:26; Rom. 8:26). Lo Spirito Santo rafforza, edifica, e conforta la Chiesa Di Cristo (Efe. 3:16-17; Gio. 14:26). E sebbene lo Spirito Santo sia uno spirito, le Scritture non si sono mai riferite ad esso come “Dio-Spirito Santo” perché non è Dio, ma uno degli spiriti che vengono mandati da Dio.

Le Sacre Scritture
Noi crediamo che la Bibbia sia l’unica base della fede e del servizio a Dio. Il Vangelo è il potere di Dio per la salvezza di chiunque crede, poiché in esso la giustizia di Dio è rivelata (Rom. 1:16-17). Le Sacre Scritture sono ispirate da Dio e utili a insegnare, a riprendere, a correggere e a educare alla giustizia, affinché l’uomo di Dio sia perfetto e ben preparato per ogni opera buona (2 Ti. 3:15-17).

Dio ha intenzionalmente nascosto le Sue parole nel mistero (Rom. 16:25), affinché gli uomini che cercano di comprendere la Scrittura attraverso la loro conoscenza mondana non possano mai giungere alla conoscenza della verità (2 Ti. 3:7). Il Vangelo predicato da coloro che non sono stati mandati da Dio viene chiamato dagli Apostoli “un altro vangelo” (Gal. 1:6-7). L’uso del Vangelo che devia dalla verità o dal vero significato porterà inevitabilmente alla perdizione (2 Pi. 3:15-16).

Il Messaggero Di Dio
La Iglesia Ni Cristo crede che il compito di comprendere le parole di Dio scritte nella Bibbia e insegnarle senza alcuna alterazione, senza aggiungere né togliere, venga dato esclusivamente ai messaggeri di Dio (Mar. 4:11-12; Rom. 10:15; Deu. 12:32).

Noi crediamo che il defunto Fratello Felix Y. Manalo sia l’ultimo messaggero di Dio; egli è stato l’adempimento delle profezie Bibliche riguardanti il messaggero dal Lontano Oriente (Apo. 7:2-3), che avrebbe predicato ai figli e alle figlie di Dio in questi ultimi giorni (Isa. 43:5-6; 46:11; 41:9-11). Dio rivela il significato delle Sue parole ai Suoi messaggeri attraverso lo Spirito Santo (2 Pi. 1:20-21) e la prova che lo Spirito Santo ha insegnato ai messaggeri è che i loro insegnamenti non si contraddicono mai (1 Co. 2:13).

L’Elezione Di Dio
La Iglesia Ni Cristo crede che fin dai tempi antichi, Dio abbia scelto il Suo popolo per servirlo. Senza questa elezione, l’uomo non può rendere servizi accettabili a Dio (Sal. 4:3; Pro. 1:28).

Coloro che Dio scelse al tempo dei patriarchi furono Set, Noè e Abramo. Poi, ha scelto gli Israeliti. Però, gli Israeliti non rimasero fedeli al patto di Dio (Gen. 17; Dan. 9:11).

Dopo la caduta di Israele, essa è stata sostituita dalla Chiesa Di Cristo (1 Pi. 2:9, 3-5; Mat. 16:18; Rom. 16:16; Att. 20:28, Lamsa). Alla fine, dopo la morte degli Apostoli, questa Chiesa, edificata da Cristo nel primo secolo, sviò dalla vera fede. Essa subì l’apostasia. (Mat. 24:4, 11; Att. 20:29-30; 1 Ti. 4:1-3).

In questi ultimi giorni, Dio ha mandato il Suo messaggero ad amministrare il ritorno dell’uomo ai veri insegnamenti della Chiesa. Ed è nelle Filippine (nel lontano Oriente) che Dio ha mandato un angelo o messaggero per predicare il vero e puro Vangelo di Cristo alle persone, per riportarle alla vera Chiesa (Apo. 7:2-3; Isa. 43:5-7).

La Chiesa E La Salvezza
La Iglesia Ni Cristo crede che l’appartenenza alla Chiesa Di Cristo sia l’unico modo tramite il quale l’uomo possa essere salvato nell’era Cristiana. Tutte le persone hanno bisogno della salvezza, perché tutti hanno peccato; per questo, tutta l’umanità dovrebbe morire nel lago di fuoco, come pagamento dei peccati (Rom. 5:12; 6:23; Apo. 20:14). Per essere salvato, l’uomo deve entrare in Cristo, diventando un membro del Suo corpo o della Chiesa (Gio. 10:9; 1 Co. 12:27; Col. 1:18), perché è la Sua Chiesa che Cristo salverà (Efe. 5:23).

Cristo non salverà chiunque sia fuori della Chiesa Di Cristo, perché andrebbe contro la legge di Dio. La Sua legge richiede che i peccatori debbano pagare per il loro peccato (Deu. 24:16; Apo. 20:14).

Riguardo Al Battesimo
Crediamo che il battesimo comandato da Cristo (Mat. 28:19) e predicato dagli Apostoli venga fatto attraverso l’immersione (Rom. 6:4; Gio. 3:23; Att. 8:36-38).

Per essere qualificati al battesimo, è necessario imparare le parole di Dio, credere in esse, e rinnovare la vita (Mar. 16:15-16; Att. 2:38). Dato che un neonato non può fare queste cose, è questo il motivo per cui, nella Chiesa Di Cristo, non si pratica il battesimo ai neonati. I neonati o i bambini piccoli devono essere offerti a Dio, poiché il regno dei cieli appartiene ad essi (Mat. 19:13-15). Il loro battesimo arriverà quando saranno qualificati per riceverlo.

Riguardo
All’Amministrazione
Della Chiesa

La Iglesia Ni Cristo crede che ogni membro sia legato al dovere di sottomettersi all’Amministrazione della Chiesa, perché è un comandamento di Dio (Ebr. 13:17). Questo perché Dio ha affidato all’Amministrazione il messaggio e il ministero della riconciliazione (2 Co. 5:18-20). Sottomettersi all’Amministrazione significa essere legati dalle sue istruzioni (Mat. 18:18). Rispettare le decisioni prese dall’Amministrazione significa rispettare le parole di Cristo (Att. 16:4; Luc. 10:16).

Il Modo Di Vivere Cristiano
Crediamo che tutti coloro che sono battezzati in Cristo devono rivestirsi di Cristo (Gal. 3:27). Cristo deve vivere in loro e non più loro stessi (Gal. 2:20).

Coloro che sono veramente in Cristo devono condurre una vita giusta, basata sugli insegnamenti morali della Bibbia (2 Co. 5:17; 2 Ti. 3:15-17).

Ai membri della Chiesa Di Cristo viene proibito di mangiare il sangue e chi viola questo divieto viene espulso. (Att. 15:28-29; Lev. 17:10).

Il matrimonio misto è severamente proibito nella Chiesa Di Cristo, perché, fin dall’inizio, Dio è stato contro il matrimonio tra coloro che appartengono al Suo popolo e coloro che non ne fanno parte. Agli occhi di Dio, il matrimonio misto è un grande male ed è un atto di tradimento (Deu. 7:3-4; Nee. 13:27). Questa fu la causa principale del grande diluvio che distrusse il mondo antico (Gen. 6:1-2, 5, 7).

L’Adorazione di Dio
La Iglesia Ni Cristo crede che sia un totale dovere dell’uomo di adorare Dio e di osservare i Suoi comandamenti. L’adorazione di Dio è l’obbligo innato dell’uomo, poiché Lui ci ha creati, quindi, non apparteniamo a noi stessi, ma a Dio (Sal. 95:6-7; 100:3).

L’adorazione di Dio deve essere fatta nello spirito e nella verità (Gio. 4:23-24). Il nome di Dio deve essere adorato—questa è l’adorazione nello spirito; e la Sua volontà deve essere fatta, ubbidendo alle Sue parole—questa è l’adorazione nella verità (Mat. 6:9-10; Gio. 17:17).

La Chiesa Di Cristo in questi ultimi giorni, o la Iglesia Ni Cristo, in Filippino (come la Chiesa Di Cristo nel primo secolo), osserva il servizio di adorazione che è caratterizzato dai salmi e dal canto degli inni, dalle preghiere, dallo studio delle parole di Dio e dalle offerte (1 Co. 14:26, 15; 16:2).

La Iglesia Ni Cristo compie il dovere di dare delle offerte o dei contributi come comandamento di Dio che non deve essere dimenticato e con queste, Dio è ben compiaciuto (Ebr. 13:16). Ogni membro della Chiesa Di Cristo deve dare secondo quanto ha deciso in cuor suo, poiché Dio ama un donatore gioioso (2 Co. 9:7). Le offerte devono essere preparate in anticipo, cosicché possano essere spontanee e non forzate. I fedeli mettono da parte e tengono una certa somma in proporzione al loro guadagno o alle benedizioni che Dio riversa su di loro (1 Co. 16:1-2; Deu. 16:16-17).

Cristo Stesso dà grande importanza alla riunione della Chiesa Di Cristo nei servizi di adorazione congregativi, poiché ogni volta che la Sua Chiesa si raduna, Lui è lì in mezzo a loro attraverso il Suo Spirito (Mat. 18:20; Gal. 4:6).

Il servizio di adorazione congregativo è di estrema importanza nella Chiesa Di Cristo: questa è la ragione per cui ai membri viene proibito severamente di trascurarlo. Trascurarlo volontariamente è un grave peccato (Ebr. 10:25-27).

La Fratellanza
La Iglesia Ni Cristo crede che i membri della vera Chiesa Di Cristo devono osservare la fratellanza. Cristo ha stabilito la fratellanza nella Chiesa Di Cristo (Mat. 23:8). Questo è il motivo per cui i membri della Chiesa, tra loro, si chiamano fratello o sorella.

Ai membri della Iglesia Ni Cristo viene comandato di amarsi reciprocamente, come comandato da Cristo e come insegnato dagli Apostoli. Questo dimostra che sono i veri discepoli di Cristo (Gio. 13:34-35; 1 Pi. 2:17).

È un male odiare qualunque fratello nella Chiesa. Chiunque odia suo fratello nella fede è considerato un omicida e non otterrà la vita eterna (1 Gi. 3:15).

Per mantenere l’amore per la fratellanza nella Chiesa, ai membri che hanno delle incomprensioni o delle discussioni, viene comandato di fare pace (Mat. 5:23-25; Efe. 4:32).

L’Unità Cristiana
La Iglesia Ni Cristo si sottomette alla sacra unità. Questa unità è assoluta, poiché in questa unità, Dio, Cristo e la Chiesa sono uniti insieme (Gio. 17:23, 21).

Osserviamo questa unità nel nome di Cristo, per la gloria di Dio (1 Co. 1:10; 10:31). La divisione o lo scisma è severamente proibito, perché Cristo non è diviso. Le divisioni e le contese sono terrene, materiali e diaboliche (1 Cor. 1:10, 13; Gia. 3:14-15).

La Iglesia Ni Cristo osserva l’unità anche nel votare gli ufficiali pubblici (Fil. 2:2-3; 1 Cor. 1:10). Questo non è per interferire nella politica, ma è per ubbidire al comandamento di Dio. Questa unità non viene mai tradita da un vero membro della Chiesa Di Cristo, anche se ad alcuni non potrebbe piacere.

La Risurrezione Dei Morti
La Iglesia Ni Cristo crede che i morti saranno risuscitati. Cristo non sarebbe risuscitato se non esistesse la risurrezione dei morti (1 Co. 15:12-13).

Vi sono due tipi di risurrezione: coloro che hanno fatto il bene si alzeranno e vivranno, e coloro che hanno fatto il male si alzeranno e saranno condannati (Gio. 5:28-29; Apo. 20:14).

I membri della Chiesa Di Cristo che sono morti saranno risuscitati nel secondo avvento di Cristo (1 Co. 15:23) e i fedeli membri che saranno ancora vivi quando Lui ritornerà, senza morire, incontreranno Cristo nell’aria, per essere con Lui nella dimora che Lui ha preparato per loro (1 Te. 4:16-17).

Il Secondo Avvento
Di Cristo E Il Giorno
Del Giudizio

Crediamo che Cristo tornerà. Cristo Stesso ha promesso che  ritornerà (Gio. 14:1-3). Questa promessa fu proclamata dagli Apostoli (1 Te. 4:15-16).

Ai membri della Chiesa viene comandato di prepararsi per il secondo avvento di Cristo, poiché nessuno sa il giorno e l’ora esatta del Suo avvento, ad eccezione di Dio, il Padre (Mat. 24:36, 42, 44).

Cristo, tuttavia, sapeva e ci ha detto quali sono i segni che preannunciano il Suo secondo avvento e questi sono le guerre, la carestia, i terremoti in diversi luoghi, così come l’aumento delle difficoltà e della malvagità, per cui l’amore di molti per Dio si raffredderà (Mat. 24:6-8, 12).

Il secondo avvento di Cristo è il giorno del Giudizio e la distruzione degli uomini empi. In questo giorno, i cieli passeranno stridendo, gli elementi si dissolveranno consumati dal fuoco e saranno bruciati (2 Pi. 3:7, 10). Anche il più valoroso griderà amaramente nel giorno del Signore. Né l’argento né l’oro potranno liberare l’uomo nel giorno dell’ira del Signore (Sof. 1:14, 18).

La Città Santa,
La Nuova Gerusalemme

La Iglesia Ni Cristo crede che vi sia una Città Santa preparata da Cristo e promessa ai Suoi discepoli, in cui Egli li porterà nel Suo ritorno (Gio. 14:2-3). La Città Santa è gloriosa, avendo la gloria di Dio (Apo. 21:10-21). Questa è la futura casa dei membri della Chiesa Di Cristo che rimarranno fedeli fino alla fine. La vita nella Città Santa è perfetta—non ci sarà più bisogno del sole e della luna e non ci sarà notte (Apo. 21:23-25; 22:5), non ci sarà mancanza di acqua e cibo (Apo. 22:1-2), non vi sarà più maledizione (Apo. 22:3), non ci sarà fame, né sete, né cordoglio, né dolore, né morte, né male (Apo. 7:15-17; 21:4).

Solamente coloro che sono stati dati da Dio a Cristo potranno entrare nella Nuova Gerusalemme (Gio. 17:12). Coloro che sono stati dati a Cristo sono stati chiamati da Dio per avere unione con Cristo (1 Co. 1:9) e questa chiamata viene fatta attraverso il Vangelo predicato dai messaggeri di Dio (2 Te. 2:14; 2 Co. 5:19-20). Coloro che sono stati chiamati sono radunati in un corpo (Col. 3:15), che è la Chiesa (Col. 1:18) chiamata Chiesa Di Cristo, Iglesia Ni Cristo in Filippino (Rom. 16:16; Att. 20:28 Traduzione Lamsa).

Share on facebook
Share on email
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on telegram

Terms and Privacy Policy

We process and collect personal data based on our Terms and Privacy Policy to improve and analyze our service.