Share on facebook
Share on email
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on telegram

LANGUAGE

Il Giorno del Giudizio arriverà?

Di VENICIO T. BASCO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO è atteso con ansia dalle persone che vogliono ricevere la salvezza promessa dal Signore Dio. Coloro che saranno salvati in quel giorno sono benedetti.

Ma alcuni si chiedono: Arriverà davvero quel giorno? Se certi saranno salvati, che cosa accadrà invece a quelli che non riceveranno questa benedizione?

Il Giorno del Giudizio nella Bibbia
La proclamazione del Giorno del Giudizio risale al tempo dei patriarchi, molto prima del nostro Signore Gesù Cristo. Secondo Giuda 1:14–15, Enoc, settimo da Adamo, profetizzò che “il Signore” verrà “per giudicare tutti” (Nuova Riveduta 2006). Colui che verrà non è altri che il Signore Gesù Cristo. Questa fu la proclamazione del Signore:

“Poi Gesù disse ancora: «Non siate tristi. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Lassù, nella casa di mio Padre ci sono molti posti: vado a prepararne uno per il vostro arrivo. Quando tutto sarà pronto, tornerò a prendervi, così potrete stare sempre con me. Se non fosse così, ve lo direi chiaramente ».” (Giovanni 14:1–3 BG)

A causa dei peccati che l’uomo ha commesso di fronte a Dio, venne stabilito il Giorno del Signore o Giorno del Giudizio: in quel giorno tutte le cose in questo mondo, compreso l’uomo, saranno divorate dal fuoco (Sof. 1:14–18 NR2006).

Sebbene alcuni siano scettici riguardo al Giorno del Giudizio, la Bibbia dimostra che, esattamente come l’uomo sperimenta la morte, lo stesso avverrà per il Giorno del Giudizio, perché Colui che ha stabilito la morte è lo stesso Dio che ha stabilito il Giorno del Giudizio (Ebr. 9:27). D’altra parte, ci sono anche molti che credono che esso avverrà, e alcuni hanno persino fatto delle previsioni sul suo adempimento. Ma qualcuno può prevedere o essere in grado di determinare la data esatta della fine del mondo? Il nostro Signore ha risposto in Matteo 24:36:

“Ma quanto a quel giorno e a quell’ora nessuno li sa, neppure gli angeli del cielo, neppure il Figlio, ma il Padre solo.” (NR2006)

Nessuno conosce il giorno e l’ora esatti del Giorno del Giudizio, nemmeno gli angeli, nemmeno Cristo stesso che sarà Colui che verrà. Solo il Signore Dio lo sa. È giusto quindi che l’uomo si prepari per quel giorno (Mat. 24:44).

I segni che mostrano che il Giorno del Giudizio è vicino
Non accade solo durante il nostro tempo, ma anche durante il tempo di Cristo le persone hanno chiesto del Giorno del Giudizio:

“Poi, mentre egli era seduto sul monte degli Ulivi, i discepoli gli si accostarono in disparte, dicendo: «Dicci, quando avverranno queste cose? E quale sarà il segno della tua venuta e della fine dell’età presente?»”

“Cosí anche voi, quando vedrete tutte queste cose, sappiate che egli è vicino, anzi alle porte.’

“Allora sentirete parlare di guerre e di rumori di guerre; guardate di non turbarvi, perché bisogna che tutte queste cose avvengano ma non sarà ancora la fine. Infatti si solleverà popolo contro popolo e regno contro regno; vi saranno carestie, pestilenze e terremoti in vari luoghi; Ma tutte queste cose saranno soltanto l’inizio delle doglie di parto.” (Matt. 24:3, 33, 6–8 ND)

Sebbene non ne conosciamo il giorno e l’ora, il Signore ha dato dei segni che si sarebbero visti o che sarebbero accaduti quando il Suo Secondo Avvento sarebbe stato vicino. Si sarebbe sentito parlare di guerre e di rumori di guerre, popoli e regni sarebbero insorsi l’uno contro l’altro, ci sarebbero state carestie, pestilenze, terremoti e dolori.

Le guerre a cui si fa riferimenrk si adempironk quando la Prima e la Seconda Guerra Mondiale scoppiarono rispettivamente il 27 luglio 1914 e il 1 settembre 1939. Carestie, pestilenze e terremoti verificatisi in passato continuano a farlo fino ad oggi, con maggiore intensità e frequenza. Quindi, il Giorno del Giudizio è davvero molto vicino.

La salvezza nel giorno del giudizio
La Bibbia ha assicurato che ci saranno delle persone che saranno salvate nel Giorno del Giudizio (Ebrei 9:27–28). Di chi si tratta? L’Apostolo Paolo spiega questo:

“Dio invece mostra il proprio amore per noi in questo: che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi. Tanto più dunque, essendo ora giustificati per il suo sangue, saremo per mezzo di lui salvati dall’ira.” (Rom. 5:8–9 NR2006)

Coloro che sono stati perdonati dai loro peccati attraverso il sangue di Cristo hanno la certezza di essere salvati dall’ira di Dio. L’Apostolo Paolo dimostra inoltre che coloro che furono acquistati o giustificati con il sangue del nostro Signore Gesù Cristo sono i membri della Chiesa di Cristo:

“Abbiate dunque cura di voi stessi e di tutto il gregge del quale lo Spirito Santo vi ha eletti sorveglianti, per pascere la chiesa di Cristo che egli ha acquistato col suo sangue.” (Atti 20:28 Traduzione di Lamsa)

Un’altra caratteristica distintiva di coloro che saranno salvati è che i loro nomi sono scritti nel libro della vita in cielo (Dan. 12:1). Alcuni potrebbero dire che essere registrati come membri di una chiesa non ha nulla a che fare con la salvezza. Gli apostoli affermano:

“Alla chiesa del primogenito, i cui nomi sono scritti in cielo. Siete giunti a Dio, il giudice di tutti gli uomini, agli spiriti degli uomini giusti resi perfetti.” (Ebr. 12:23 tradotto da New International Version)

Gli apostoli hanno detto che i nomi dei membri della Chiesa sono scritti in cielo. Registrarsi in una qualsiasi chiesa in effetti non porta alla salvezza, ma entrare a far parte della vera chiesa sì. La Chiesa a cui ci si riferisce che a quella che raggiungerà la città celeste è la Chiesa di Cristo:

“Tuttavia, siete giunti alla verità (indicata dai simboli), al Monte Sion, la Nuova Gerusalemme; la città celeste del Dio vivente e voi fate parte di quella città. Vi siete uniti ai milioni di angeli che gioiscono davanti a Dio, nel santuario celeste; la vera chiesa di Cristo, e le cose per poterla riconoscere sono raccolte in cielo. Siete giunti a Dio; la fonte e la misura della giustizia per tutte le persone del popolo; alle caratteristiche personali preservate dalle persone giuste, ridate perfettamente all’umanità come Cristo.” (Ebr.12:22–23 The Remedy)

Pertanto, coloro che riceveranno la salvezza nel Giorno del Giudizio, che avverrà per davvero ed è molto vicino, sono i membri della Chiesa di Cristo. In quel giorno benedetto, bisogna quindi assicurarsi di essere un membro di questa Chiesa.

Share on facebook
Share on email
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Share on telegram